SEO-ottimizzazione-siti-web

L'attività di ottimizzazione di un sito Web viene espletata su tutti gli elementi che lo compongono: dominio, layout, grafica, contenuti, tecnologie di interazione.

In siti di dimensioni elevate o particolarmente complessi, infatti, la figura del SEO resta in stretto contatto con il team di lavoro necessitando, a seconda degli elementi trattati, di specifiche professionalità che difficilmente possono ricadere in una singola persona.

 

S.E.O. Search Engine Optimization

S.E.M. Search Engine Marketing


La search engine optimization e il search engine marketing si stanno dimostrando cruciali per qualsiasi business. Da attività di nicchia una volta seguiti solo da programmatori e “tecnici”, durante gli ultimi mesi hanno attirato l’attenzione da parte un po’ di tutti: web master, pubblicitari, copywriter, giornalisti, uffici marketing, aziende che vogliono puntare sull’e-commerce..

Potremmo quasi dire che finalmente tutti ne stanno cogliendo l’importanza (anche se lungi dal capirne i funzionamenti e le logiche..). Anche perchè, come sanno i professionisti del web (a proposito chi sono?), è un settore talmente in mutamento che è faticoso stargli dietro. Vediamo allora alcuni importanti mutamenti del 2007.

 

Google universal search

google-universal-searchLa “rivoluzione” di Google Universal search ha costretto i seo a far combattere per le prime posizioni informazioni testuali (fra cui quelle sponsorizzate) con i contenuti multimediali. Oltre alle ovvie conseguenze in termini di necessità di integrazione di contenuti video, foto, news, mappe e audio nei siti, questo mutamento impone di ripensare anche i dati da analizzare nella web analysis. Non più (soltanto) pagine viste di un sito, non più impressions, click, percorsi..ma anche il tempo speso sulla pagina assume valore.

 


link

Link-in Link-out

Le tecniche seo che funzionavano in passato (l’inserimento forsennato di keywords, le doorways..) non funzionano più, anzi penalizzano.
Gli scambi link selvaggi non portano più grandi risultati. Così come i link non spontanei. La logica “pochi ma buoni” è quella che sembra premiare di più. Un buon link da un sito istituzionale e con un buon trust porta molti più risultati di 100 link da directory di poco valore.

Per guadagnare link in entrata bisogna offire qualcosa di qualità (che siano prodotti o servizi) in un sito usabile. Costruirsi una solida reputazione online è un passo fondamentale, e ci vuole tempo.

Mettere link in uscita non è più visto negativamente, quando ciò che si linka ha valore. I visitatori premieranno il sito (o blog) che regolarmente permette loro di leggere approfondimenti o fonti dell’argomento che gli sta a cuore. E Google ama quello che amano i visitatori..

 


 

Contenuti

I contenuti si confermano essere l’arma vincente. Soprattutto quando sono rilevanti, quando risolvono problemi o dubbi, quando forniscono informazioni e soluzioni.
E per contenuti ovviamente si intendono anche video e audio. Se sono taggati e ottimizzati adeguatamente, permettono di migliorare il posizionamento di un intero sito.
Ma i contenuti da soli non bastano. E’ necessaria anche l’interazione con i visitatori.


Ignorare i propri visitatori può essere un errore davvero imperdonabile. Ascoltare i propri visitatori e rispondergli si dimostra sempre più strategico, anche quando ciò che dicono può non essere positivo.
I commenti nei forum e nei blog sono uno strumento potente tramite il quale conoscere il proprio target, pari solo all’analisi delle statistiche (che deve essere una delle attività quotidiane di un seo).


 

La grande importanza dei META TAGS fondamentali

TITOLO DELLA PAGINA META TAG <TITLE>
Il titolo della pagina web e' fondamentale per la corretta registrazione sui motori di ricerca. Il titolo della pagina web deve riassumere in modo chiaro e preciso i contenuti del sito e invogliare a cliccare il navigatore che lo leggerà.

Sintassi di esempio:

<TITLE>Design e Restyling, Web Marketing, Publishing e Web grafica a Catania e in Sicilia!</TITLE>


DESCRIZIONE DELLA PAGINA - META TAG "DESCRIPTION"
Questo meta tag fornisce al motore di ricerca una descrizione riassuntiva della pagina web. Si deve sempre tenere in considerazione il target da raggiungere e non deve mai essere troppo generico.

I motori di ricerca ripropongono la "DESCRIPTION" esattamente come è scritta, posizionandola subito dopo il titolo della pagina.
E' quindi molto importante scegliere frasi d'impatto brevi e coinvolgenti, che aiutino il navigatore a capire immediatamente i contenuti della tua pagina web e che lo incuriosiscano spingendolo a "cliccare".

Sintassi di esempio:

<META NAME="Description" CONTENT="Design e Restyling di sito web, ottimizzazione e indicizzazione con sottomissione nei motori di ricerca di sito web, hosting, spazio web e registrazione domini internet" />

DEFINIZIONE PAROLE CHIAVE - META TAG "KEYWORDS"
Il meta-tag "keywords" e' molto importante perche' all'interno contiene le parole chiave suggerite ai motori di ricerca e che servono a far compaire il sito web. La scelta di parole chiave non attinenti al contenuto del sito non serve, anzi peggiora la situazione visto che i motori cercano anche la coerenza tra i contenuti dei vari TAG e il contenuto della pagina.


FILE ROBOTS.TXT
Il file robots.txt va inserito nella root del sito web; con questo file si posoono escludere cartelle e files dall'indicizzazione dell sito. In parole povere si inibiscono i motori dall'indicizzazione di alcune cartelle e files che non saranno mai vsulizzate nei risultati delle ricerche. Il file all'interno contiene:

User-agent:

Disallow

Un esempio sul moteore google è il seguente:

User-agent: googlebot

Disallow: /help.html 

Si sta dicendo a google di non prelevare il file help.html che in questo caso è posizionato nella root del sito.


Inserimento delle pagine del sito negli indici dei motori

indicizzazione-sti-web

Ogni sito web, oltre ad esistere nella grande rete con il suo nome a dominio, deve eessere registrato negli indici dei motori di ricerca affinchè ogni utente possa trovare con facilità quello che cerca.

L'indicizzazione è la segnalazione ai motori di ricerca del sito web che lo registrano e lo inseriscono nei propri database detti appunto "indici".
I motori, ognuno con il proprio criterio di estrazione, restituiscono i risultati visualizzando il link del sito web in base all'attinenza dei contenuti e di altri parametri.

In tutto il mondo esistono piu' di 1.500 motori di ricerca e directory dove e' possibile registrare gratuitamente il proprio sito web ma in realta' soltanto pochissimi di essi raccolgono piu' del 90% del traffico complessivo


Diventa quindi essenziale riuscire a registrarsi correttamente, almeno sui principali motori di ricerca, e cercare di comparire almeno entro le prime 10 max. 20 posizioni per le parole chiave piu' strategiche.
E' dimostrato infatti che il navigatore medio non va quasi mai oltre i primi 20 risultati di ricerca forniti dal motore.

L'indicizzazione rappresenta l'investimento più conveniente per l'azienda di oggi che vedrà aumentare i suoi profitti attraverso la presenza più massiccia sul web a costi veramente bassissimi. Effedesigner serve ai suoi clienti soluzioni complete che prevedono la sottomissione nei motori di ricerca più importanti del web per garantire il massimo risultato nel breve periodo.

E questi sono i motori di ricerca dove di solito è più conveniente inserire le pagine:


Motori di ricerca Italiani: Google.it, Yahoo.it, Msn.it, Altavista.it, Virgilio, Tiscali, Libero, Kataweb, Arianna, Supereva, Arianna, Lycos.it, ilTrovatore.
Motori di ricerca internazionali: Google , Yahoo, Msn, Alexa, Alltheweb, Altavista, Aol, Ask, BBCi, Euroseek, Goo, Hotbot, Jayde, LookSmart, Lycos, WebCrawler... ecc..


La registrazione ed il posizionamento del sito nei motori di ricerca

 

registrazione-posizionamento-siti-nei-motori

In tutto il mondo esistono piu' di 1.500 motori di ricerca e directory dove e' possibile registrare gratuitamente il proprio sito web. 

In realta' soltanto pochissimi di essi raccolgono piu' del 90% del traffico complessivo.
Diventa quindi essenziale riuscire a registrarsi correttamente, almeno sui principali motori di ricerca, e cercare di comparire almeno entro le prime 10 max. 20 posizioni per le parole chiave piu' strategiche.
E' dimostrato infatti che il navigatore medio non va quasi mai oltre i primi 20risultati di ricerca forniti dal motore.

 

Ma comparire nei primi posti non e' cosa facile, soprattutto per determinate parole chiavi di uso comune, dove il motore di ricerca puo' restituire anche migliaia di risultati.

In questa lezione ti forniro' alcuni strumenti essenziali per poter registrare correttamente il tuo sito web sui motori di ricerca e ti daro' alcuni suggerimenti utili per migliorare la posizione in classifica.
La prima regola fondamentale e' quella di concentrare i propri sforzi solo sui motori di ricerca piu' importanti quelli cioe' che ti porteranno oltre il 90% di questo traffico.

 

Inoltre.......molti WEB MASTER sono convinti che basta effettuare la sottomissione di una pagina web di un sito affinchè questa compaia nelle prime posizioni; purtroppo non c'è niente di più errato! 

La considerazione che per determinate parole chiave motori di ricerca come Google restituiscono fino a 6.000 risultati fa ben capire come sia difficile essere nei primi 30 posti (tre pagine, risultati che i visitatori consultano e cliccano).
Il fattore che influisce principalmente nell'indicizzazione della pagina web di un sito dipende essenzialmente dalle logiche con cui il motore analizza e quindi cataloga i contenuti.
Le logiche descritte sono purtroppo differenti tra i vari motori di ricerca, cambiano frequentemente e sono custodite gelosmente. Quello che rimane da fare è seguire poche e fondamentali regole nella progettazione delle pagine e le regole di Web Marketing.


Il site Ranking dei siti web

 

site-ranking

Possiamo definire questo parametro come l'importanza di un sito. Generalmente si crede che il ranking di un sito venga calcolato in base a quanto questo viene linkato da pagine esterne. E' vero solo in parte. La quantità di link influisce solo in minima parte poiche l'importanza di un sito non viene determinata solo da parametri assoluti, ma da valori interpretati nel corso del tempo.

 


Primo fattore: l'età del nome di dominio


Molti nomi di dominio vengono aperti e mantenuti funzionanti solo per un periodo limitato, tempo necessario per mettere in opera azioni di spam massiccio utilizzando il dominio che viene poi chiuso ad operazione terminata. Per questa l'età di un dominio è un fattore molto importante per il ranking; maggiore è il tempo che un dominio rimane funzionante migliore è la probabilità che questo incrementi il ranking.


Secondo fattore: l'aggiornamento del sito


Non è importante solo aggiornare i contenuti, ma anche la modalità di tale aggiornamento. I cambiamenti di contenuto in sé non vengo considerati da Google indice di rinnovamento. Le modifiche infatti sono accuratamente registrate per un determinato periodo di tempo al fine di identificare; la quantità degli aggiornamenti e la frequenza.

Il motivo è semplice, modifiche massicce di contenuto operate in archi di tempo lunghi potrebbero semplicemente significare solo un rinnovamento grafico del sito stesso, ma piccole e frequenti modifiche al testo visibile sono considerate come probabile indice di manutenzione ed aggiornamento costante di informazioni.

Nel caso in cui questo venga rilevato sul vostro sito dopo un periodo di "valutazione" silenziosa, il ranking aumenta.


Terzo fattore: links esterni


In molti si danno da fare scambiando links reciproci al fine di tentare un incremento di ranking ma anche in questo caso Google osserva, registra e valuta con molta attenzione e per un periodo di tempo l'evolvere di questa situazione. Infatti la magica apparizione di decine o centinaia di link al vostro sito un un tempo relativamente breve non solo non aiuta, ma fa correre il serio pericolo di essere identificati come "web spammers".

Sono da evitare per quanto possibile i link reciproci perchè probabile segnale di un accordo preciso. Google considera favorevolmente i link esterni solo se quelli reciproci sono relativamente limitati, solo se aumentanto in maniera ragionevole nel corso del tempo in quanto indice di un aumento spontaneo dell'interesse che utenti dimostrano verso i vostri contenuti e sopratutto solo se l'argomento dei siti che vi linkano sono attinenti ai vostri contenuti.


Quarto, importantissimo fattore: la correttezza grammaticale e la semplicità di scrittura


Google registra, osserva e valuta. Ma com'è possibile che una applicazione software riesca a valutare e determinare gli argomenti rilevanti in un sito, oppure giudicare se le keywords di ricerca siano attinenti al suo contenuto?

I di fanno uso di particolari programmi che "valutano" in base al testo contenuto in un sito quale sia l'argomento principale. Normale per un uomo, un pò meno per un sistema informativo composto da freddi e rigidi algoritmi, ma tali programmi attraverso l'analisi logica e grammaticale di un testo riescono ad identificarne l'argomento in maniera quasi sempre affidabile. Una volta eseguita questa azione si innescano i meccanismi descritti precedentemente.

E' naturale quindi che se non creiamo i nostri contenuti in maniera corretta e sufficientemente semplice, Google non perderà tempo a "tentare" di individuare l'oggetto dei nostri contenuti, ma ci ignorerà e non perderà neanche ulteriore tempo per controllare aggiornamenti, links ed altri fattori.